ABBIAMO LETTO PER VOI QUESTE PUBBLICAZIONI:

 

Hipertension  Research  Nov.2009

Rodriguez Sl, Baldo MP e coll. Univ. Espirito Santo, Brasile.

 

Rodriguez  SL  e coll. hanno constatato che le misure antropometriche  atte a stabilire l’adiposità globale e viscerale, associate all’Ecocardiogramma sono utili per sospettare  una Ipertrofia Ventricolare sinistra.

 

 L’Ipertrofia Ventricolare sinistra è un importante fattore  di rischio cardiovascolare e di morte improvvisa.

Si sospetta  la presenza di una Ipertensione Ventricolare sinistra, basandosi sui 4 indici  (B.M.I., circonferenza vita, rapporto Vita/fianchi, rapporto vita/statura).

L’I. V. S. è stata rilevata attraverso Ecocardiogramma.

Una alterazione del rapporto vita /statura ha messo in evidenza una correlazione con l’I.V.S.

Il rapporto vita/statura era un  fattore di previsione significativo rispetto agli altri indici (ad eccezione del rapporto vita/fianchi) indipendentemente dal sesso.

E’ interessante notare che un rapporto limite di vita/statura di 0.56 si è rivelato il più sensibile e specifico per sospettare l’I.V.s.

 

American Journal of Clinical Nutrition Nov. 2009 Corvalan C, Uauy R, Kain j, Martorell R.  Emory University, Atlanta U.S.A.

 Hanno  valutato in un gruppo di 324 bambini cileni di 4 anni,, i seguenti parametri: peso, B.M.I., somma di 4 pliche cutanee, circonferenza vita, rapporto circonferenza vita//statura, rapporto circonferenza vita/ bacino e nel sangue oltre al colesterolo totale, HDL.LDL e trigliceridi, hanno valutato anche l’insulinemia, l’interleuchina 6 e la proteina C reattiva, per cercare di trovare  altri fattori di rischio cardiovascolare da poter essere presi in considerazione.

 

American Journal of Hipertension  Feb. 2009

Wright CS, e coll ( Università della Pensilvania)

Vengono riportati i risultati di uno studio condotto su bambini nati da madre affetta da diabete mellito gestionale. Hanno constatato che percentualmente tali bambini presentavano un sovrappeso e alcuni anche una diposità ed un aumento della pressione Arteriosa.

Questo  dimostra  che gli effetti negativi che possiamo riscontrare negli adolescenti  e negli adulti, nati da madre affetta da diabete mellito gestazionale, si riscontravano anche nel bambini più piccoli.

 

Lancet  Marzo 2009.

Qizilbassh N e  e coll (157) hanno condotto uno studio   su poco meno di 900 adulti sul rapporto tra i valori del B.M.I. e la mortalità, pur ammettendo che altre misure antropometriche (come circonferenza vita, rapporto circon. vita/ fianchi ecc.) potrebbero aggiungere ulteriori informazioni al B.M.I.

Il B.M.I. è il  più valido elemento prognostico di mortalità.

 

Pediatrics Sett. 2009

 Himes JH ( Università del Minnesota) ritiene che il B.M.I. sia il più importante indice per valutare l’obesità nei bambini purché il peso e la statura siano rilevati con la massima accuratezza e precisione (eventualmente dopo essersi esercitati fino a raggiungere un soddisfacente grado di maneggevolezza nel muovere soprattutto lo stati metro durante le manovre di misurazione). Mediante il peso e la statura possiamo ottenere il B.M.I. del bambino  che è un valore di estrema importanza per   stabilire il grado di obesità.