Alimentazione “ equilibrata” o “bilanciata” o “Dieta della Salute”

 

-Proteine: 10-13 % e di queste      50% vegetali

                                                   50% animali

-Grassi:    25-30% e di questi      33 % di grassi monoinsaturi |

                                                                              | grassi vegetali:olio di oliva

                                                    33 % di grassi polinsaturi    |

                                                    33 %     “       saturi (grassi animali:   

                                                                                    burro, lardo, strutto)

  -Carboidrati 60-65% e di questi 10-15% oligogosaccaridi (zucchero)

                                                     85-90% polisaccaridi (pane, pasta, riso ecc.)

   Le Proteine dunque debbono essere presenti nella nostra alimentazione solo per il 10-13% della quantità totale delle calorie giornaliere! E se poi pensiamo che la metà di queste debbono essere di origine vegetale (le  troviamo nei legumi, nella soia e in minor quantità in tutti gli altri nutrienti vegetali) e l’altra metà di natura animale (carni sia cosiddette “rosse” o “bianche” e pesce), si capirà che  pur essendo indispensabili debbono essere presenti  solo in modeste quantità nella nostra alimentazione quotidiana.

   I Grassi poi, solo il 25-30 % e per ben 2/3 devono essere di origine vegetale (olio di oliva) e solo 1/3 di origine animale (li troviamo nel latte, nel burro, nei formaggi, nel  grasso di prosciutto, nel salame, nella pancetta…), ma bisogna fare attenzione perché in un comune pranzo vi sono il 50 % di grassi nascosti.

   I Carboidrati, infine, il 60-65 % del totale, ma solo il 10-15 % di questo devono rappresentare gli zuccheri  semplici,  cioè lo zucchero comune, che troviamo nei dolci, nei gelati, nella marmellata…, il rimanente 85-90 % nel  pane, nella pasta, nel riso ecc… ove i carboidrati sono sotto forma di Carboidrati  Complessi.

   E la frutta e le verdure? Senza dilungarmi troppo, debbono essere presenti nella nostra alimentazione quotidiana con circa g 250 dell’una e g 250 delle altre.