Compito del medico dello sport: Attività fisica

 

Tra la prevenzione primaria non si può non ricordare come l’attività fisica abbia un ruolo importante per la prevenzione delle malattie cardiovascolari (e non solo) e quale importante funzione svolga  nella prevenzione delle malattie cardiovascolari in generale e nella protezione dall’ictus in particolare.

 Anzi la scarsa attività fisica facilita l’insorgenza della “malattia ipocinetica” caratterizzata da ipotonia ed ipotrofia dei muscoli scheletrici, da alterazione dell’apparato locomotore, del sistema cardiorespiratorio, del sistema metabolico.

Infatti è stato dimostrato che la scarsa o inesistente attività fisica,  specie se combinata ad un eccesso alimentare, aumenta la probabilità di insorgenza di un “attacco cardiaco”, come è stato dimostrato che un’attività fisica regolare (un’ora tre volte a settimana di attività aerobica) mantiene “allenato” l’apparato-cardiocircolatorio e lo protegge dai danni, come ostacola l’insorgenza di nuovi episodi a chi ha già avuto un attacco cardiaco.

Numerosi studi confermano l’effetto protettivo dell’attività fisica occupazionale (svolta nel tempo libero) sull’ictus in toto, sull’ictus ischemico o su quello emorragico, ma l’effetto protettivo  lo svolge anche  nei soggetti diabetici,  negli obesi, nei dislipidemici, nei soggetti con alterati valori dell’emostasi, senza tralasciare il beneficio che ne ricavano i soggetti della Terza Età ottenendo in questi un decremento dei livelli plasmatici di interleuchina 6 e di P.C.R.

L’attività fisica  incrementa il consumo calorico non solo durante l’esercizio fisico ma anche durante il periodo intermedio tra attività fisica e non.

Quando ci muoviamo, (camminando, correndo, pedalando, nuotando) le arterie si dilatano, la tensione diminuisce mentre ne aumenta l’elasticità (capillarizzazione).

Per ottenere la cosiddetta “capillarizzazione” si deve però svolgere “un’attività di tipo aerobico” che richiede “movimenti” lenti e prolungati (come appunto nel cammino, nella corsa, nel nuoto, nello jogging, nello sci di fondo ecc.), ed in cui i muscoli lavorano al di sotto della capacità massima di trasporto di ossigeno.

L'esercizio aerobico è quello indicato per ottenere i maggiori benefici.

  L'esercizio per essere   allenante per il cuore e per essere mantenuto in un range di sicurezza, deve far si che la sua frequenza si mantenga su valori variabili intorno al 70% della sua frequenza cardiaca massima teorica.  

 

Ma quali sono le attività sportive consigliate e/o raccomandate?

A questa domanda ha risposto, forse per prima, la Federazione francese di cardiologia, la quale due anni fa (2006), lanciò una campagna di prevenzione delle malattie cardiovascolari basata sul movimento.

Dai 40 ai 60 anni di età sono concessi (o addirittura raccomandati) le  seguenti attività sportive:

-                                                                                                                                          

 

    

-   Corsa

                                                                                                                                               Ciclismo

-                                                                                                                                            Nuoto

-                                                                                                                                            Sci di fondo

-                                                                                                                                            Canoa

-                                                                                                                                            Canottaggio

 

 

 

Sono consigliati ad ogni età:

-                                                                                                                                            Ginnastica

-                                                                                                                                            Marcia

-                                                                                                                                            Danza

-                                                                                                                                            Golf

 

Mai dopo i 60 anni:

-                                                                                                                                            Tennis

-                                                                                                                                            Calcio

-                                                                                                                                            Pallacanestro

-                                                                                                                                            Sport di combattimento

-                                                                                                                                            Pallavolo

-                                                                                                                                            Sci alpino

 

L’equitazione fino a 60 anni ma con… giudizio

 

.

Altri consigliano

 

         Bicicletta 2-3 ore. Dalle 3 alle 5 volte alla settimana, ad una velocità di  

                                       25-35 Km/h ed in piano.

 

             Sci di fondo 2-5 ore. Dalle 3 alle 5  volte a settimana ad una velocità di 7-

                                              15 Km/h.

 

Si otterranno così anche degli effetti benefici sul metabolismo. consistenti in: perdita di peso, diminuzione della massa grassa e aumento della massa magra (a carico dei muscoli),  miglioramento della capacità di assorbire gli zuccheri, diminuizione dei valori del colesterolo e dei trigliceridi (fattori di rischio).

Utile anche dal punto di vista psicologico in quanto l’attività fisica funziona da valvola di scarico di aggressività e frustrazioni.