Trigliceridi: dieta

 

L’aumento dei trigliceridi nel sangue dipende  soprattutto dall’aumento di calorie  introdotte  con l’alimentazione, specialmente  se vengono introdotte forti quantità di alcol e carboidratri sia semplici che composti.

Pertanto  di fronte ad un soggetto che presenta un notevole aumento dei trigliceridi nel sangue, si deve  consigliare un aumento dell’attività motoria,  ed una ’alimentazione bilanciata in cui i carboidrati  siano, percentualmente, leggermente diminuiti.

Si ricorda che per rendere attendibili  i valori dei trigliceridi nel sangue, è bene che il prelievo   venga effettuato almeno dopo 12 ore di digiuno e che il pasto della sera precedente all’esame, non sia abbondante.

 

Schema orientativo della

razione giornaliera consigliata

ad un soggetto affetto da ipertrigliceridemia

 

Latte                    g 250

(Zucchero)            g   25)

(Marmellata          g   10)     

 

Pasta o Riso o Patate                          g  (195)                 g  100

Parmigiano                                         g    10

 

            Carne o Pesce magro                        g   130-150    oppure 1 uovo

Oppure Legumi secchi                                  g     50              “      prosciutto

                                                                                             “      formaggio g 65

                                                                                             “      1  Yogurt

 

Verdura                almeno g  250

Frutta                        “     g  250

 

Olio             g.  65

 

Pane                                                g   (260)                          g 100

 

Bevande: almeno 1 litro e mezzo di acqua naturale al giorno

 

Questi alimenti vanno ripartiti durante l’arco della giornata possibilmente seguendo questa percentuale:

Prima colazione del mattino       25 %

Pranzo                                     35-40 %

Merenda                                  10-15 %

Cena                                        25-30 %

 

EVITARE gli “spuntini” e le “bevande” sia quelle zuccherate che quelle gassate