LA CALPROTECTINA FECALE

La calprotectina è una proteina presente nell’organismo umano, si concentra prevalentemente nei granulociti neutrofili, in concentrazioni minori anche nei monociti e nei macrofagi. All’interno di queste cellule immunitarie, la calprotectina presenta un’elevata capacitò batteriostatica e micostatica, facendo assumere a queste cellule una funzione fagocitaria verso microrganismi estranei all’organismo.
In caso di infiammazione i livelli di calprotectina plasmatica tendono ad aumentare. Tale fenomeno si registra in maniera più evidente quando il processo flogistico interessa il tubo digerente con l’aumento della concentrazione di calprotectina nelle feci (resiste alla degradazione enzimatica intestinale e può essere, quindi, rilevata nelle feci).
E', quindi, un marker fecale che in caso di positività rivela la presenza di una infiammazione intestinale specie se cronica (morbo di Crohn), enterocolite, diverticolite, ma anche nei tumori dello stomaco, dell’esofago (in stadio avanzato).
E' l'equivalente del P.C.R. e della VES dell'intestino, ma più affidabile.
(ad esempio una lieve infiammazione, tanto lieve che non altera la VES e la PCR, è in grado però di far elevare il tasso della calcoprotectina)
Viene eseguito in caso di una disfunzione a carico del tubo digerente per stabilire se tale disfunzione dipende da un fenomeno infiammatorio o meno (dolori addominali ricorrenti), oppure per monitorare l'andamento clinico sotto terapia di una infiammazione intestinale cronica.
Valore di riferimento:
Nei bambini di età superiore ai 4 anni, il valore è fino a 50 mg/kg.
Nell’adulto è negativo con valori < 50 mg/kg
Debolmente positivo > 50 - 100 mg/kg
Positivo > 100 mg/kg
Nei bambini di età inferiore ai 4 anni e nei soggetti anziani, i valori sono più elevati.



Bibliografia Medico e Bambino 30 giugno 2005

Aggiornamento e Modifica (Settembre 2012)


Bibliografia

Grad C, David L, Portincasa P, Dumitrascu DL ; Diagnostic value of calprotectin in irritable bowel syndrome and in
inflammatory bowel disease. "Iuliu Haţieganu" University of Medicine and Pharmacy,
2nd Medical Clinic, Cluj-Napoca, Romania.
Rodriguez-Otero P,Porcher R, Peffault de Latour R, Contreras M. Bouhnic Y, Xhaard A, Andreolo A, Ribaud P,
Kapel N, Janin A, Socié G, Robin M,: Fecal calprotectin and alpha-1 antitrypsin predict severity and response to
corticosteroids in gastrointestinal graft-versus-host disease. N M.Blood. 2012 Jun 14;119(24):5909-17.
Epub 2012 May 3.
Abraham BP, Kane S. Gastroenterol Fecal markers: calprotectin and lactoferrin. Clin North Am. 2012
Jun;41(2):483-95. Epub 2012 Feb 16. Review.

Manz M, Burri E, Rothen C, Tchanguizi N, Niederberger C, Rossi L, Beglinger C, Lehmann FS. Burri E,
Beglinger C : Faecal calprotectin -- a useful tool in the management of inflammatory bowel disease.
. Swiss Med Wkly. 2012 Apr 5;142:w 13557. 10.4414/smw.2012.13557. Review.

Value of fecal calprotectin in the evaluation of patients with abdominal discomfort: an observational study.
Department of Gastroenterology, University Hospital of Basel, Petersgraben 4, 4031 Basel, Switzerland.
J.P. Gisbert, A.G. McNicholl. “Questions and answers on the role of faecal calprotectin as a biological marker in
inflammatory bowel disease”. Digestive and Liver Disease 41 (2009) 56-66.
R. Berni Canani et al. “Diagnostic value of faecal calprotectin in paediatric gastroenterology clinical practice”.
Digestive and Liver Disease 34 (2004) 467- 470.