Insufficiente accrescimento staturale

Mia figlia di 10 anni è  nata piccola per età gestionale…Domanda giuntami via e mail.

 

 Per bassa statura s’intende la situazione morfologica staturale di un soggetto in fase di crescita che persiste vicino al 3° percentile.

“ Certi bambini  suonano lo spartito di crescita in modo andante, altri allegro, qualcuno lentissimo”. Franz Boas, riportato da Tanner.

I primi segni di sviluppo sessuale nella bambina, e in particolare la comparsa del tessuto mammario, sono stati finora considerati “precoci”  quando compaiono prima dell’età di 8 anni.

Tuttavia recenti lavori hanno evidenziato un inizio più precoce dello sviluppo puberale (un anticipo di circa un anno) nelle ragazze di razza bianca sia di quelle di origine afroamericana.

Ma questo non è il suo caso. Normalmente l’accrescimento staturale si mantiene per altri 6-8 anni dalla comparsa del menarca.

Altra considerazione: i bambini nati da parto pretermine hanno un basso peso alla nascita (prematurità - ritardo di crescita intrauterina) e questo influenzerà il loro accrescimento.

 

 

I fattori che determinano l’insufficiente ritmo di crescita sono:

 

a) Inizio patologico prenatale della bassa statura.

        1) la bassa statura può essere l’unico elemento che colpisce i

            genitori dovuta prevalentemente:

-         ad una insufficienza placentare

-         Sindrome di Down

-         Altre cromosomopatie

                         2) Cause dovute ad infezioni prenatali (TORCH)

                         3) Cause dovute a deficit intellettivo

 

             L’età ossea è spesso ritardata  rispetto all’età cronologica

               

               

 

 

 

 

                  b) Inizio  postnatale della bassa statura, dovuta:

                           - insorgenza nel periodo postnatale di malattie croniche

                           - malnurtrizione

                           - malassorbimento (es.Morbo celiaco)

                           - alterazioni endocrine (deficit GH)

                           - deprivazione affettiva (genitori separati o divorziati) 

 

                  c) Ritardo costituzionale dell’accrescimento e della pubertà.

                      La curva dell’accrescimento è normale fino a 6-8 anni quindi vi è un sensibile decremento dell’accrescimento per il mancato stimolo degli ormoni della pubertà.

                      La pubertà risulta ritardata (come nei genitori).

L’età ossea è più vicina all’età staturale piuttosto che all’età cronologica.

Verso la fine dell’adolescenza i valori staturali si avvicinano ai valori normali dell’età cronologica,

La statura finale dell’adulto è normale.

 

d) Bassa statura familiare.

                        1) la bassa statura del bambino rispecchia l’altezza dei   

       genitori

   2) La curva dell’accrescimento è al di sotto del 3° percentile

   3) Non si riscontra un significativo discostamento tra età

       cronologica ed età ossea.

 

A parte la classificazione delle cause che possono determinare un rallentamento della velocità di crescita staturale, elementi fondamentali sono:

        1) presenza di basso peso alla nascita (per età gestazionale)

        2) esposizione al fumo (soprattutto da parte della madre sia

           durante la gravidanza che dopo)

        3) uso di droghe (da parte della madre)

        4) uso di alcol

   5) insorgenza durante la prima e la seconda infanzia, di   

       infezioni ricorrenti specie quelle a carico dell’orecchio

       medio

  

 

 

 

6) L’esame  della curva dell’accrescimento può dare   

       elementi essenziali per la diagnosi. (come l’esaminare  

       l’appiattimento della curva dell’accrescimento in

       concomitanza con episodi febbrili ricorrenti, episodi

       ricorrenti di diarrea ecc,,)

   7) Deprivazione affettiva (separazione dei genitori, divorzio)

   8) Alimentazione sbilanciata- Malnutrizione

   9) La conoscenza della statura dei genitori, l’età del menarca

       della madre e delle sorelle sono tutti fattori favorenti una     

       esatta diagnosi.

 

Gli esami di laboratorio confermano l’orientamento diagnostico:

*) Funzionalità tiroidea e ipofisaria. (Dosaggio GH basale e dopo stimolo)

*) assenza di anticorpi antitransglutaminasi esclude la celiachia

*) Dosaggio del ferro

*) dosaggio degli elettroliti nel sudore

*) presenza di malattie infettive croniche

 

 

                         Bibliografia

 Balsamo A, Cicognani A :Sindrome adeno-genitale congenita   

                  Da deficit di 21-idrossilasi Medico e Bambino  

                   5/2005

G. Bartolozzi- M. Guglielmi Pediatria II edizione  Masson 

                  2003

Bartolus R, Parazzini F,Chatonoud L, Marini A,Catalano P:

                  Epidemiologia del parto pretermine Medico e 

                  Bambino 6/1998

Berti I, Giuseppin I, Meneghetti R : L’ipertiroidismo dalla

                  nascita in poi Medico e Bambino 3/2005

G.R. Burgio Edizione italiana diTerapia Pediatrica  ( di H.F.   

                   Eichenwald e J. Stroeder) Vol. II UTET 1997

G.R. Burgio- G. Perinotto- A.G. Ugazio Pediatria essenziale

                   Quarta edizione UTET 1997

Cianfarani s La pubertà precoce Medico e Bambino 8/2004

Di Maio S.: La pubertà femminile come, quando esordisce, con

                  che ritmo procede, quando intervenire. Medico e

                  Bambino 1/2002

 G. Fuarini- G.Fiorelli- A. Malliani- F. Violi- M. Volpe

                  Deodori  I: Trattato di Medicina interna Sesta

                   edizione S.E.U.

            Scaffidi E : Un neonato “extralarge” (Sindrome di Sotos)

                            Medico e Bambino 3/2003